Via Valle d'Aosta 16/18 - 46100 - Lunetta-Frassino (MN) +39 338 915 2276 info@mantovac5.com mantovacalcio@pec.divisionecalcioa5.it
Il Mantova dei Mantovani!
vicenza-mantova-09-dicembre-2017

CARRE' CHIUPPANO - BRUSCHI SERVICE MANTOVA 5-5

Sabato 29 Settembre @ Palestra Intercomunale di Carrè ore 16:00

COPPA ITALIA 1° turno:

CARRE’ CHIUPPANO C5 V/S BRUSCHI SERVICE MANTOVA: 5-5 (p.t.1-3)

MARCATORI: 0.20’’-37’55’’-39’23’’ Hernandez (C), 11’26’’-18’20’’ Mancini, 15’04’’Leleco, 27’39’’-34’27’’ Pedrinho ( C), 31’45’’ Ziberi, 38’33’’Manzali.

CARRE’: Josic, Ninic, Masi, Pendin, Pedrinho, Salado, Halimi, Buonanno, Tatulli, Zannoni, Hernandez, Restaino. All. Ferraro.

MANTOVA: Ricordi, Gumeniuk, Villiva, Lutta, Leleco, Kytola, Ortega, Ziberi, Rocha, Manzali, Mancini, Fontaniello. All.Milella

ARBITRI:Maragno di Bologna, Sorci di Pesaro. CRONO: Billo di Vicenza

Note: spettatori 200 circa, ammoniti Ricordi, Halimi, Rocha, Salado, Zannoni, Pedrinho, Buonanno, Lutta, Leleco. Espulsi Rocha, Halimi e Salado tutti per somma di ammonizioni. Allontanato l’allenatore in seconda del Mantova Luongo.

CARRE’ (VI) – Esame superato ! Il Bruschi Service Mantova Calcio a 5, alla prima di Coppa Italia contro il forte e blasonato Carre’ Chiuppano, strappa un ottimo pareggio per 5-5 e ottiene così un punto d’oro nel girone a tre che comprende anche il Milano. Nel prossimo turno quindi i virgiliani osserveranno un turno di riposo, mentre i Vicentini faranno visita proprio al Milano, e il match verità per il passaggio al turno successivo, si giocherà proprio al Neolu’ il 07 novembre. Un buon Mantova soprattutto nella prima frazione di gioco, quando i biancorossi, subito sotto di una rete, sanno reagire, prendono in mano le redini del gioco e costringono i padroni di casa sulla difensiva con un buon pressing, chiudendo sul parziale di 1-3. Nella ripresa il Carre’ alza il baricentro e il Mantova si difende giocando di rimessa e sfiorando più volte il colpaccio, sino a pochi secondi dalla fine quando i biancorossi in vantaggio per 5-4, si fanno sorprendere incassando il gol del pareggio dei locali che sancisce il 5-5 finale che appare forse il risultato più giusto di una bella partita. Il Mantova ha dimostrato se pur ancora in pieni lavori in corso, di essere pronto per giocare la serie A2 e sicuramente per quanto fatto vedere, di essere all’altezza per combattere anche contro un avversario rodato, esperto e navigato come il Carre’ Chiuppano, formazione sicuramente che partirà tra le favorite per la vittoria del campionato.

Si parte con squadre raccolte a centro del campo, con un minuto di raccoglimento per onorare la memoria di Luigi Agnolin, indimenticato arbitro di calcio, scomparso oggi. Virgiliani subito in campo con Ricordi, Leleco, Ziberi, Manzali e per la prima volta il nazionale finlandese Kytola.
Nemmeno un minuto che i locali passano su calcio da fermo, concesso dall’arbitro Maragno per fallo di Ricordi al limite dell’area. Palla per Hernandez che scarica in rete l’uno a zero. Il passivo scuote il Mantova che subito alza il pressing che sorprende i locali, forse già con la testa ad una gara in discesa. I virgiliani cercano la via del gol soprattutto con conclusioni dalla distanza del solito Leleco, ma il numero uno locale non sbaglia un colpo e respinge tutto quello che arriva dalle sue parti. Allo stesso modo anche Ricordi non è da meno quando gli avanti vicentini cercano di impensierirlo senza però creare troppi pericoli alla porta biancorossa. Al 11’ bella discesa di Ziberi “Ziba” che dalla destra calcia di preciso sul secondo palo, colpendo proprio il legno interno con palla che ritorna in gioco proprio dalle sue parti, ma anche la seconda botta non ha fortuna finendo alta sopra la traversa. Passano 26’’ e Mancini pareggia i conti con un gol capolavoro, stop e semigirata al volo dalla sinistra che non lascia scampo al capitano locale tra i pali. Il Mantova accelera e colleziona ghiotte occasioni, ma la difesa locale regge, fino a quando si gioca il bonus dei cinque falli. Al minuto 15’ proprio da un fallo su Leleco il Mantova sfrutta il libero calciato in maniera ottimale proprio dallo stesso jolly italo brasiliano, con Mantova in vantaggio per 2-1. I locali accusano il colpo e non riescono a ripartire, lasciando campo al Mantova che maramaldeggia dalle parti della porta di Josic che deve fare gli straordinari per fermare le folate degli avanti biancorossi. Al 18’ ci pensa ancora Mancini a realizzare il 3-1 per il Mantova, dopo che Ziberi conquistava palla a centrocampo, sbaragliando la via per la discesa del giovane marchigiano che a tu per tu con il portiere locale non si lasciava emozionare, scagliando dentro dal limite dell’area. Il Mantova è nel suo migliore momento, ma il cronometro dice che può bastare e si va a riposo sul 1-3.

La ripresa inizia subito con un Chiuppano più arrembante, con il Mantova che deve sicuramente adeguarsi alla pressione alta dei locali, che lasciano spazio solo alle ripartenze dei virgiliani. Al 27’ fallo di Lutta al limite dell’area e punizione a favore dei locali, la difesa virgiliana è mal piazzata e su schema arriva il 2-3 di Pedrinho che calcia di potenza a rete. Il Mantova cerca di riordinare le idee, ma sicuramente i locali dimostrano di essere squadra combattiva e quadrata che in più occasioni cerca di impensierire Ricordi che risponde presente agli inviti proposti dalle conclusioni vicentine. Al 31’ dopo una serie di rimpalli a centrocampo, Kytola ha la meglio e serve Ziberi che dai sei metri in posizione centrale insacca il 2-4. Al 34’ Ziberi scende sulla destra e in uno scontro rimane dolorante a terra, i locali molto scaltramente ne approfittano e ripartono in superiorità numerica, conquistando una punizione al limite dell’area virgiliana, con fallo da parte di Rocha che già ammonito deve guadagnare la via degli spogliatoi. Da nuovo calcio da fermo arriva la rete del 3-4, da parte ancora di Pedrinho, complice ancora una volta la retroguardia biancorossa forse mal posizionata. I locali ci credono e a -4 dalla sirena si giocano la carta del portiere di movimento, che mette pressione alla difesa del Mantova, che cerca di tenere fisse le marcature. Al 37’ Manzali ha sui piedi l’occasione per chiudere il match, quando tira dalla distanza nella porta locale rimasta sguarnita, ma la palla colpisce una clamorosa traversa ritornando in gioco. Proprio con il quinto di movimento in campo arriva il 4-4 di Hernandez che sul secondo palo si avventa come un falco e non sbaglia. Ultimo minuto ricco di emozioni, Manzali si invola verso la porta e viene atterrato, libero che lo stesso bomber di Londrina calcia e realizza, portando il Mantova in vantaggio per 5-4 a un minuto dal triplice fischio. La rabbia e l’orgoglio dei locali però si accendono e proprio quando il Mantova sembrava andare dritto verso i tre punti, colpiscono a 20’’ dalla fine, ancora con Hernandez che trova il definitivo 5-5, in azione veloce con il portiere di movimento. Sabato prossimo arriverà la prima giornata di campionato e i biancorossi saranno di scena a Genova.