Via Valle d'Aosta 16/18 - 46100 - Lunetta-Frassino (MN) +39 338 915 2276 info@mantovac5.com mantovacalcio@pec.divisionecalcioa5.it
Il Mantova dei Mantovani!
mantova-calcio-a-5-vittoria-thiene-mantova

BRUSCHI SERVICE MANTOVA - FUTSAL CORNEDO 5-7

Sabato 02 Dicembre @ Pala Neolù ore 16:00

SERIE B 9^ GIORNATA:

BRUSCHI SERVICE MANTOVA CALCIO A 5 V/S FUTSAL CORNEDO: 5-7 (p.t.3-2)

Marcatori: 1’13’’-32’23’’- 38’15’’- 39’26’’ Aalders, (C) 01’47’’ Pagnussatt, 03’52’’Sbicego (C), 16’33’’Senese, 19’03’’ Palermo, 31’13’’ Gonella (C), 31’53’’– 36’54’’ Fabinho, 36’30’’ Radujkovic (C).

MANTOVA: Fontaniello, Eddoubaji, Silva, Pagnussatt, Schiavo, Senese, Scremin, Montelli, Palermo, Louanda, Fabinho, Ricordi. Allenatore: Milella

CORNEDO: Boscaro, Sbicego, Moscoso, Zarantonello, Savegnago, Radujkovic, Aalders, Cabianca, Boscaro, Gonella, Donin, Rubega. Allenatore: Albertini

Arbitri: Cannizzaro di Ravenna e Paolino di Siena. Crono: Lodi di Crema.

Note: spettatori 120 circa, Ammoniti: Radujkovic, Aalders, Ricordi, Montelli.

Non basta il cuore! Il Bruschi Service Mantova, pur giocando una ottima prestazione, cade nel finale sotto i colpi del Cornedo sul campo di casa per 7-5, ma per effetto dei risultati degli altri campi, mantiene ancora la seconda posizione sempre a 16 punti, in coabitazione con il Città di Mestre, sconfitto in trasferta dal Vicinalis. La classifica si accorcia sempre di più a conferma di un girone super equilibrato, con continui colpi di scena a cielo aperto, mentre il Petrarca prosegue ormai indisturbato a +9 sulla seconda, la sua marcia verso la serie A2. Il Mantova sceso in campo oggi è parso molto determinato e concentrato, fino a quando le forze lo hanno sostenuto, anche se nel finale di prima frazione e all’inizio del secondo tempo, hanno parecchio da recriminare i virgiliani, vittima sicuramente della sfortuna e anche di una svista arbitrale, che al 04’52’’ del secondo tempo, valuta inspiegabilmente da giallo, un’entrata da censura di Aalders su Palermo al limite dell’area, graziando il giocatore olandese da un espulsione sacrosanta. Il tulipano di mister Albertini in grande spolvero, sarà invece poi decisivo sul match, diventando con quattro reti, il vero mattatore della giornata. Al di là comunque del singolo episodio , i biancorossi hanno pagato a caro prezzo le assenze di due perdine fondamentali come Manzali e Belleboni, entrambi assenti per squalifica e la coperta a disposizione di mister Milella già risicata, nel finale di gara di oggi si è terribilmente fatta sentire, con rotazioni che con il passare del tempo per necessità, sono diventate sempre più difficili e poco funzionali, tra gli unici sei giocatori utilizzabili. L’obiettivo del Mantova era rimanere attaccato alle zone alte della classifica, e questo nonostante un solo punto raccolto nelle ultime tre gare sta avvenendo, ma servono interventi sulla rosa, per riportare al minimo necessario il parco giocatori e non dovere arrivare sempre a disputare con il fiato corto, gare importanti come quella con il Cornedo. La squadra veneta ha avuto il merito di pressare alto i virgiliani sin dalle fasi iniziali, consapevole delle poche alternative disponibili per il tecnico biancorosso e questa tattica alla lunga ha inevitabilmente premiato.
Si parte con il Mantova che per sopperire alle assenze e completare la distinta porta in panchina anche il giovane portiere Schiavo e altri tre giovani under.


Virgiliani all’inizio con Ricordi tra i pali, Pagnussatt, Fabinho, Montelli e Senese. Ritmi subito altissimi, con Cornedo che in maniera molto intelligente, pressa da subito alta la difesa biancorossa, costringendola a giocare con un notevole dispendio di energia. Al 1’ subito Aalders in evidenza con tiro deviato da Ricordi in calcio d’angolo che si spegnerà poi sul fondo. Ancora Aalders porta in vantaggio gli ospiti, con un preciso rasoterra dalla sinistra che si infila nell’angolino basso tra palo e portiere, sorprendendo un po’ Ricordi. Alla prima vera ripartenza però il Mantova pareggia 30’’ più tardi, discesa di Fabinho e palla per Pagnussatt che dalla destra non sbaglia insaccando a mezza altezza centralmente. La partita ha ritmi forsennati e sono continui i capovolgimenti di fronte. Ci provano ancora gli ospiti con conclusione deviata da Ricordi in angolo e dalla successiva ripartenza, Senese per il Mantova si fa deviare il tiro dalla distanza in angolo. Sulla battuta del corner è Montelli a mancare la deviazione di un soffio sul secondo palo. Al 2’ finezza di Aalders che in area tenta di sorprendere Ricordi con colpo di tacco che finisce a lato. Al 3’ ancora Senese ci prova dalla distanza e palla alta sulla traversa. Sul capovolgimento di fronte anche gli ospiti mandano alto. Al 3’30’’ rimessa laterale per il Mantova dalla destra, con tiro di Pagnussatt a lato di pochissimo. Sulla ripresa del gioco Cornedo avanti in velocità, con palla per Sbicego che lasciato solo a centro dell’area riporta i suoi in vantaggio. Al 3’40’’ clamorosa traversa ravvicinata colpita dai vicentini, dopo un errore di Fabinho che consegna palla agli avversari. Al 3’50’’ Fabinho viene atterrato ai 10 metri da Radujkovic che viene ammonito, punizione battuta da Senese deviata in angolo. Sul corner palla al centro dell’area e Palermo di un soffio non trova la deviazione in rete. Al 5’ veloce ripartenza del Cornedo, con tiro dalla destra che finisce alto. Ci prova Montelli ancora una volta in velocità, ma la sua conclusione dalla destra viene fortunosamente deviata in corner. Al 6’ fallo su Pagnussatt all’altezza dei 12 metri, con successiva battuta respinta dalla difesa. Al 7’ dalla distanza ci prova ancora Aalders, con Ricordi attento in angolo. Dalla battuta del corner, palla in mezzo che carambola su mille gambe e tiro finale che finisce per spizzare la traversa, con brivido per la difesa virgiliana che allontana. Al 8’ bella azione di Fabinho che prova il tiro dalla destra e estremo difensore ospite che devia di piede in corner. Al 10’ ancora Ricordi salva prodigiosamente una conclusione velenosissima, smanacciando lontano. Il Cornedo però pressa ancora e ci prova dalla distanza senza fortuna. Al 12’ la conclusione di Fabinho dalla distanza viene repsinta sui piedi di Senese che però calcia alto. Al 14’ Senese salta un avversario e lancia un pallone alto in area, dove Palermo manca la conclusione a rete di testa. Al 16’30’’ punizione centrale dai 12 metri per il Mantova, battuta di Senese che stavolta non sbaglia trovando il sette sotto la traversa e pareggiando i conti per 2-2. Finale di tempo con Mantova arrembante e Cornedo un po’ in affanno. Al 17’ ci prova Fabinho dalla distanza, la palla rimane in area e Palermo tenta una deviazione sottomisura, ma il pallone viene miracolosamente deviato da un fortunoso tocco. Ancora Palermo al 18’ ci prova ma il suo tiro viene deviato in angolo, così anche la conclusione di Fabinho. Al 19’ passaggio sul secondo palo di Fabinho e Palermo trova la deviazione sottomisura, portando il Mantova in vantaggio per 3-2. Il Mantova potrebbe dilagare, ma la conclusione ancora di uno scatenato Fabinho viene parata, mentre Palermo sbaglia di poco la deviazione per portare a 4 le reti virgiliane prima del riposo, che fortunatamente arriva per gli ospiti in un momento difficilissimo. La ripresa inizia con il Mantova che si ripresenta in campo sulla falsariga del finale di prima frazione, rendendosi pericoloso con conclusioni di Montelli deviata in angolo dal portiere e di Pagnussatt e Senese, entrambi con tiro a lato. La pausa ha riportato il Cornedo a riordinare le idee e sono rapidi i capovolgimenti di fronte. Rispondono infatti gli ospiti con altrettante conclusioni verso la porta, prima a lato, seconda parata da Ricordi e terza ancora a lato. Al 21’ ancora Montelli che calcia sopra la traversa dalla sinistra. Grandissima occasione per Pagnussatt un secondo dopo, con tiro che dalla sinistra si stampa incredibilmente sul palo di sinistra.

Ci prova anche Louanda, ma il suo tiro è di poco a lato. Lo stesso Louanda non aggancia per poco un pallone invitante di Fabinho. Il Cornedo non molla e Gonella in velocità prova un pallonetto, con conclusione che scheggia il palo sinistro della porta di Ricordi. Al 24’52’’ arriva uno se non l’episodio chiave della gara: Palermo si invola verso la porta avversaria e al limite dell’area subisce un fallo con intervento da dietro con piede a martello sulla caviglia da parte di Aalders, cadendo dolorante a terra. Tutti, compreso probabilmente il bomber olandese, si aspettano la sacrosanta espulsione, ma il direttore di gara “grazia” nel vero senso della parola il giocatore, non sentendosela di cacciarlo anzitempo sotto la doccia. Il calcio di punizione viene battuto da Senese, ma la conclusione viene parata, con pallone per Pagnussatt che da fuori calcia ancora colpendo l’ennesimo legno dalla distanza. Al 26’ ancora Fabinho in maniera imprecisa calcia alto dalla sinistra, con successiva azione ospite e Ricordi che si oppone alla conclusione di Aalders centrale. Al 10’ Montelli atterra un avversario al limite dell’area con conseguente ammonizione e tiro respinto dalla barriera. Al 31’ intervento pulito di Palermo sulla palla dalla destra, con il direttore di gara che però ferma l’azione concedendo un incredibile calcio di punizione per gli ospiti che su battuta con schema realizzano il 3-3 con Gonella. Il Mantova però ci crede ancora e non passano nemmeno 40’’ che da una punizione battuta in favore dei virgiliani dal limite, Fabinho ricevuta palla insacca nell’angolino sinistro il nuovo vantaggio 4-3 virgiliano. Le squadre si allungano dando spazio ad inevitabili ripartenze e il Mantova inizia a perdere sempre più lucidità. Al 32’ è nuovamente parità con un gol stupendo di Aalders che dai 15 metri insacca nel sette un tiro bomba. I biancorossi ci mettono il cuore, ma le conclusioni di Montelli e Louanda vengono parate senza problemi dall’estremo difensore ospite. Al 33’ arriva la doccia fredda, con Senese che in maniera ingenua, commette fallo a centrocampo, dimenticandosi che si trattava del 5° per il Mantova, che si troverà a giocare i rimanenti 8’ minuti con lo spettro del tiro libero sulla groppa. I virgiliani tentano di riaffacciarsi nell’area ospite, ma Pagnussatt si fa parare la conclusione, mentre Louanda non aggancia prima di calciare a rete. Al 36’ bella triangolazione del Cornedo, con palla a Radujkovic, che dai 10 metri non si fa pregare per andare al tiro di precisione che si insacca sotto la traversa trovando il vantaggio per 5-4. Il Mantova è duro a morire e cerca di ritrovare le ultime forze a disposizione per evitare la sconfitta. Al 36’ Fabinho si invola in velocità bevendosi due avversari che cercano di trattenerlo per la maglia, ma con un bel dribbling arriva al limite dell’area, si gira e calcia a rete la palla del 5-5 che tiene vive le speranze. Al 37’ angolo del Mantova e conclusione ravvicinata ancora di Fabinho, con autentico miracolo dell’estremo difensore ospite che devia. Sarà l’ultimo sussulto per i biancorossi, perché al 38’ è ancora una perla di Aalders da fuori area a regalare il sorriso e il vantaggio al Cornedo per 6-5. A 1’50’’ dalla Sirena, mister Milella avanzi Ricordi come quinto di movimento, ma la manovra non sortisce effetto, anzi al 39’ il portiere virgiliano commette un ingenuità a centrocampo, intervenendo in scivolata scomposta sull’avversario, con ammonizione e conseguente tiro libero che ancora Aalders non sbaglia chiudendo il match per 7-5.

Nemmeno il tempo di leccarsi le ferite, perché da lunedì i biancorossi inizieranno a preparare la difficile trasferta di Sabato prossimo sul difficile campo del Vicenza, squadra alla necessaria ricerca di punti, ma dove il Mantova non potrà fallire se vorrà rimanere ancora ai piani alti della classifica del girone B.